Ci rivolgiamo a lettori che vogliano imparare qualcosa di nuovo, che dunque vogliano pure pensare da sé (K. Marx). – Chi non spera quello che non sembra sperabile non potrà scoprirne la realtà, poiché lo avrà fatto diventare, con il suo non sperarlo, qualcosa che non può essere trovato e a cui non porta nessuna strada (Eraclito). – ... se uno ha veramente a cuore la sapienza, non la ricerchi in vani giri, come di chi volesse raccogliere le foglie cadute da una pianta e già disperse dal vento, sperando di rimetterle sul ramo. La sapienza è una pianta che rinasce solo dalla radice, una e molteplice. Chi vuol vederla frondeggiare alla luce discenda nel profondo, là dove opera il dio, segua il germoglio nel suo cammino verticale e avrà del retto desiderio il retto adempimento: dovunque egli sia non gli occorre altro viaggio (M. Guidacci).



Skype Meâ„¢!
Condividi


Petite Plaisance Editrice
Associazione Culturale
senza fini di lucro

Via di Valdibrana 311
51100 Pistoia
tel: 0573-480013

e-mail:
info@petiteplaisance.it

Cat.n. 004

Luca Grecchi

L’anima umana come fondamento della verità.

ISBN 88-87296-46-4, 2002, pp. 112, formato 140x225 mm, Euro 12 – Collana “La ziqqurat” [4]

In copertina: Juseppe de Ribera, detto lo Spagnoletto, I saltimbanchi, Real Academia de Bellas Artes de San Fernando, Madrid.

indice - presentazione - autore - sintesi - invito alla lettura -

12,00

L’essere è costituito dalla totalità dei significati umani. L’uomo è il fondamento veritativo di questi significati. Dalla sua unitaria essenza razionale e morale, definita anima, deriva infatti, per ogni ente che compone l’essere, la propria unitaria essenza ontologica ed assiologica. Ogni ente dell’essere è pertanto ciò che è, in quanto l’uomo è ciò che è. La verità consiste nella conformità dell’essere all’anima umana, mentre il bene consiste nella cura che si deve all’anima stessa. La centralità dell’anima umana costituisce pertanto la condizione necessaria per la comprensione della fondata e sistematica struttura veritativa della realtà. La composizione ontologica ed assiologica delineata in questo testo non è originale, poiché è presente, in modo implicito, già nelle filosofie di Platone, Aristotele ed Hegel. Ciò che rimane implicito non è però, di solito, fondatamente strutturato, ed è per questo che il pensiero di questi grandi filosofi è analizzato dall’autore in modo critico, così come, allo stesso modo, sono esaminate le tesi dei principali filosofi italiani contemporanei. La struttura de L’anima umana come fondamento della verità si pone, infine, come necessario riferimento per la progettazione di nuove modalità sociali di vita compiutamente umane. Emergono in proposito contenuti fortemente problematici, ma degni di essere adeguatamente discussi.

© Editrice Petite Plaisance - hosting and web editor www.promonet.it