Ci rivolgiamo a lettori che vogliano imparare qualcosa di nuovo, che dunque vogliano pure pensare da sé (K. Marx). – Chi non spera quello che non sembra sperabile non potrà scoprirne la realtà, poiché lo avrà fatto diventare, con il suo non sperarlo, qualcosa che non può essere trovato e a cui non porta nessuna strada (Eraclito). – ... se uno ha veramente a cuore la sapienza, non la ricerchi in vani giri, come di chi volesse raccogliere le foglie cadute da una pianta e già disperse dal vento, sperando di rimetterle sul ramo. La sapienza è una pianta che rinasce solo dalla radice, una e molteplice. Chi vuol vederla frondeggiare alla luce discenda nel profondo, là dove opera il dio, segua il germoglio nel suo cammino verticale e avrà del retto desiderio il retto adempimento: dovunque egli sia non gli occorre altro viaggio (M. Guidacci).



Skype Meâ„¢!
Condividi


Petite Plaisance Editrice
Associazione Culturale
senza fini di lucro

Via di Valdibrana 311
51100 Pistoia
tel: 0573-480013

e-mail:
info@petiteplaisance.it

Cat.n. 016

AA. VV.

[Karin Boye - Else Lasker-Schüler - Gianna Manzini - Virginia Woolf - Simone Weil - Marina Cvetaeva] (a cura di Moreno Fabbri), Scrittrici del Novecento europeo [Interventi di: Daniela Marcheschi - Uta Treder - Margherita Ghilardi - Maura Del Serra - Gabriella Fiori - Caterina Graziadei].

ISBN 88-87296-04-9, 1998, pp. 96, formato 140x210 mm., Euro 12,00 – Collana “Egeria” [1].

In copertina: Foto di K. Boye [a], E. Lasker-Schüler [b], G. Manzini [c], V. Woolf [d], S. Weil [e], M. Cvetaeva [f].

indice - presentazione - autore - sintesi

12,00

Questo volume collettivo, la cui realizzazione è stata permessa sia dalla cura appassionata di sei eminenti studiose delle rispettive autrici presentate, sia dall’ospitalità promotrice di Un club per l'Europa, riunisce i testi delle conferenze (comprensive delle risposte delle relatrici alle domande del pubblico) tenute nell'ambito del ciclo Scrittrici del Novecento Europeo dal settembre al novembre 1994 a Pistoia, e forma una stimolante sequenza di eccezionali biografie letterarie, che affianca il pathos drammatico della poetessa svedese Karin Boye (presentata da Daniela Marcheschi) a quello esotico e liricamente sacrale dell’ebrea tedesca Else Lasker-Schuler (curata da Uta Treder) e questo alla raffinata sensibilità formale e creativa della toscana-europea Gianna Manzini (presentata da Margherita Ghilardi) che un’ammirata affinità unisce a sua volta agli acuti scandagli della coscienza orchestrati dall'inglese Virginia Woolf (curata da Maura Del Serra); per finire con la straordinaria “radicalità” profetica del pensiero e dell’opera della francese Simone Weil (curata da Gabriella Fiori) a cui fa da contraltare e suggello la straziata assolutezza orfico-visionaria della poesia di Marina Cvetaeva (evocata da Caterina Graziadei). Sei voci di un'Europa ideale e realissima, della mente e del cuore.

© Editrice Petite Plaisance - hosting and web editor www.promonet.it