Ci rivolgiamo a lettori che vogliano imparare qualcosa di nuovo, che dunque vogliano pure pensare da sé (K. Marx). – Chi non spera quello che non sembra sperabile non potrà scoprirne la realtà, poiché lo avrà fatto diventare, con il suo non sperarlo, qualcosa che non può essere trovato e a cui non porta nessuna strada (Eraclito). – ... se uno ha veramente a cuore la sapienza, non la ricerchi in vani giri, come di chi volesse raccogliere le foglie cadute da una pianta e già disperse dal vento, sperando di rimetterle sul ramo. La sapienza è una pianta che rinasce solo dalla radice, una e molteplice. Chi vuol vederla frondeggiare alla luce discenda nel profondo, là dove opera il dio, segua il germoglio nel suo cammino verticale e avrà del retto desiderio il retto adempimento: dovunque egli sia non gli occorre altro viaggio (M. Guidacci).



Skype Meâ„¢!
Condividi


Petite Plaisance Editrice
Associazione Culturale
senza fini di lucro

Via di Valdibrana 311
51100 Pistoia
tel: 0573-480013

e-mail:
info@petiteplaisance.it

Cat.n. 104

Giovanni Di Falco

La campagna del Caos. Storia della casa natale di Luigi Pirandello. Con una nota di Andrea Bisicchia.

ISBN 88-7588-012-3, 2007, pp. 112 + pp. 16 ill., formato 140x210 mm., Euro 13.

In copertina: Il Caos, casa natale di L. Pirandello.

indice - presentazione - autore - sintesi

13,00

La campagna del Caos di Giovanni Di Falco è costruita su documenti demaniali e catastali assolutamente inediti: si possono seguire, come in un triller, gli avvenimenti che costituiscono un vero e proprio canovaccio circa la proprietà del CAOS. L’autore ricostruisce, attraverso fonti d’archivio, le vicissitudini che stavano dietro ogni diritto di enfiteusi, grazie al quale, in circostanze diverse, gli avi pirandelliani acquistavano, perdevano per debiti, e quindi riacquistavano il feudo, sempre per enfiteusi. La storia del feudo, di cui il CAOS faceva parte, risale addirittura all’anno milleseicento.
Pirandello ambienta molte sue novelle nella campagna circostante di Girgenti; il CAOS era una specie di sole, attorno al quale, giravano i pianeti delle altre contrade. Pirandello vi era nato il 28 giugno1867.
Le fonti di Di Falco gli permettono di accedere in maniera originale e trasversale al mondo pirandelliano per ricostruire una specie di DNA anche attraverso alberi genealogici non facilmente inquadrabili. È come se il lettore venisse proiettato in un passato che diventerà futuro nelle opere di Pirandello. Di Falco tralascia le cose note, per attardarsi su quelle meno conosciute e ci accompagna nel viaggio, con una scrittura semplice e gradevole, restituendoci il CAOS non solo come spazio fisico, ma come spazio della mente del grande narratore e drammaturgo.

© Editrice Petite Plaisance - hosting and web editor www.promonet.it