Ci rivolgiamo a lettori che vogliano imparare qualcosa di nuovo, che dunque vogliano pure pensare da sé (K. Marx). – Chi non spera quello che non sembra sperabile non potrà scoprirne la realtà, poiché lo avrà fatto diventare, con il suo non sperarlo, qualcosa che non può essere trovato e a cui non porta nessuna strada (Eraclito). – ... se uno ha veramente a cuore la sapienza, non la ricerchi in vani giri, come di chi volesse raccogliere le foglie cadute da una pianta e già disperse dal vento, sperando di rimetterle sul ramo. La sapienza è una pianta che rinasce solo dalla radice, una e molteplice. Chi vuol vederla frondeggiare alla luce discenda nel profondo, là dove opera il dio, segua il germoglio nel suo cammino verticale e avrà del retto desiderio il retto adempimento: dovunque egli sia non gli occorre altro viaggio (M. Guidacci).



Skype Meâ„¢!
Condividi



Petite Plaisance Editrice
Associazione Culturale
senza fini di lucro

Via di Valdibrana 311
51100 Pistoia
tel: 0573-480013

e-mail:
info@petiteplaisance.it

Cat.n. 119

Costanzo Preve

La fine dell’URSS. Dalla transizione mancata alla dissoluzione reale.

ISBN 88-87296-35-9, 1999, pp. 64, formato 140x210 mm., Euro 7 – Collana “Divergenze” [20].

In copertina: Disegno di M. Vulcanescu.

indice - presentazione - autore - sintesi

7,00

INDICE (119)

Premessa

1. Karl Marx e l’esclusione esplicita di una transizione
politica e statuale al comunismo

2. Genitori, figli e nipoti.
Un’ipotesi antropologica trigenerazionale
sull’avvento e il declino del comunismo

3. Lenin e la rivoluzione bolscevica del 1917

4. L’enigma storico di Stalin
e della inedita società di classe che gradatamente
e forse inconsapevolmente costruì

5. Il segreto della destalinizzazione di Krusciov
e del XX Congresso del PCUS del 1956

6. La stagnazione di Breznev
e la maturazione delle condizioni
per la dissoluzione dell’URSS

7. La perestrojka di Gorbaciov,
l’ultima illusione di rinascita
del comunismo storico novecentesco

8. Il fallimento di Eltsin nel portare a termine
l’accumulazione primitiva mafiosa e selvaggia
del nuovo capitalismo russo

9. La crisi economica dell’agosto 1998
e la natura dell’esperimento Primakov

10. Tre ferme conclusioni teoriche da ribadire

Nota critica e bibliografica

© Editrice Petite Plaisance - hosting and web editor www.promonet.it