Ci rivolgiamo a lettori che vogliano imparare qualcosa di nuovo, che dunque vogliano pure pensare da sé (K. Marx). – Chi non spera quello che non sembra sperabile non potrà scoprirne la realtà, poiché lo avrà fatto diventare, con il suo non sperarlo, qualcosa che non può essere trovato e a cui non porta nessuna strada (Eraclito). – ... se uno ha veramente a cuore la sapienza, non la ricerchi in vani giri, come di chi volesse raccogliere le foglie cadute da una pianta e già disperse dal vento, sperando di rimetterle sul ramo. La sapienza è una pianta che rinasce solo dalla radice, una e molteplice. Chi vuol vederla frondeggiare alla luce discenda nel profondo, là dove opera il dio, segua il germoglio nel suo cammino verticale e avrà del retto desiderio il retto adempimento: dovunque egli sia non gli occorre altro viaggio (M. Guidacci).



Skype Meâ„¢!
Condividi



Petite Plaisance Editrice
Associazione Culturale
senza fini di lucro

Via di Valdibrana 311
51100 Pistoia
tel: 0573-480013

e-mail:
info@petiteplaisance.it

Ebook 1049

Pier Giovanni Donini

Immigrazione ebraica e trasformazione economica in Palestina.

Saggio pubblicato su Koinè (Dinamiche della crisi), Anno X, NN° 2-4 – Luglio/Dicembre 2003; Direttore responsabile: Carmine Fiorillo; Direttore: Luca Grecchi, pp. 16.

autore - sintesi

download

Le condizioni attuali dell’economia di Israele, che ha raggiunto uno stadio di sviluppo capitalistico avanzato ed è già in grado di esportare capitali – sia pure in misura inferiore alle importazioni – soprattutto verso paesi in via di sviluppo, si basano in primo luogo su imponenti apporti esterni di mano d’opera, conoscenze tecniche e scientifiche e beni di investimento. Nei suoi primi vent’anni di esistenza, dal 1949 al 1967, lo Stato di Israele ha registrato infatti un afflusso netto di capitali per 7654 milioni di dollari, di cui 5052 milioni di dollari, pari al 66%, sotto forma di versamenti senza contropartita (come i beni portati con sé dagli immigranti, le riparazioni versate dalla Repubblica Federale Tedesca, gli aiuti economici forniti dagli Stati Uniti e da altri paesi, e i fondi raccolti dalle organizzazioni sionistiche internazionali, soprattutto in America); i residui 2602 milioni di dollari sono rappresentati da prestiti ottenuti dallo Stato di Israele all’estero, in massima parte (502 milioni di dollari) dal governo degli Stati Uniti, e dagli investimenti di capitalisti privati, il cui valore complessivo era nel 1967 di 891 milioni di dollari, pari al 12% degli apporti complessivi di capitale…

© Editrice Petite Plaisance - hosting and web editor www.promonet.it