Ci rivolgiamo a lettori che vogliano imparare qualcosa di nuovo, che dunque vogliano pure pensare da sé (K. Marx). – Chi non spera quello che non sembra sperabile non potrà scoprirne la realtà, poiché lo avrà fatto diventare, con il suo non sperarlo, qualcosa che non può essere trovato e a cui non porta nessuna strada (Eraclito). – ... se uno ha veramente a cuore la sapienza, non la ricerchi in vani giri, come di chi volesse raccogliere le foglie cadute da una pianta e già disperse dal vento, sperando di rimetterle sul ramo. La sapienza è una pianta che rinasce solo dalla radice, una e molteplice. Chi vuol vederla frondeggiare alla luce discenda nel profondo, là dove opera il dio, segua il germoglio nel suo cammino verticale e avrà del retto desiderio il retto adempimento: dovunque egli sia non gli occorre altro viaggio (M. Guidacci).



Skype Meâ„¢!
Condividi



Petite Plaisance Editrice
Associazione Culturale
senza fini di lucro

Via di Valdibrana 311
51100 Pistoia
tel: 0573-480013

e-mail:
info@petiteplaisance.it

Cat.n. 042

Amnon Kapeliouk

Sabra e Chatila. Inchiesta su un massacro. Presentazione di Helarion Capuci. Introduzione di Stefano Chiarini.

ISBN 88-87296-44-8, 2002, pp. 128, formato 140x210 mm., Euro 10,00.

In copertina: Pittogramma arabo del poeta Mouhamad Hamza Ganayem che significa «... verso il cielo che piange/una pioggia leggera e tranquillizzante/su un mare di rifugiati...».

indice - presentazione - autore - sintesi

10,00

«... Nessuna narrazione è innocente, e Amnon Kapeliouk, che i lettori di Le Monde Diplomatique conoscono bene e che anch’io, per mio conto, conosco e stimo da molti anni, è un uomo d’impegno. Ma è anche, e l’una cosa non ostacola l’altra, un giornalista di una probità assoluta. L’ho visto sufficientemente al lavoro per sapere che non scrive nulla che non abbia abbondantemente verificato. Il suo libro si basa su un’inchiesta minuziosa: testimonianze orali e scritte, visite sui luoghi, non manca nulla.

 

... Sulla profondità del coinvolgimento israeliano in questa storia, il racconto di Kapeliouk non lascia dubbi. Che Begin ed il generale Sharon non avessero “voluto tutto ciò”, è possibile e probabile. Si sarebbero accontentati, verosimilmente, di un piccolo massacro e se ne sono ritrovato uno grosso. Un massacro, perché? Ecco ciò che scrive Kapeliouk:

 

Dalle discussioni tra giornalisti israeliani e stranieri viene fuori che la tesi, (sostenuta all’inizio), secondo la quale il massacro e le distruzioni sarebbero state il frutto di un’esplosione di collera e di vendetta spontanea dovuta all’assassinio di Bechir Gemayel, è falsa. Questo massacro sembra proprio essere stato premeditato. Il suo scopo: provocare un esodo massiccio dei Palestinesi da Beirut e dal Libano. La crudeltà del crimine – corpi lacerati, membra tranciate, bambini squartati, teste di bambini schiacciate contro il muro – può trovare così una spiegazione nella volontà di terrorizzare”.

È in realtà l’ipotesi più verosimile. Sabra e Chatila ripeterebbero Deir Yassin, il massacro del 1948 che fece fuggire tanti Palestinesi».

 

Pierre Vidal-Naquet

 

© Editrice Petite Plaisance - hosting and web editor www.promonet.it