Ci rivolgiamo a lettori che vogliano imparare qualcosa di nuovo, che dunque vogliano pure pensare da sé (K. Marx). – Chi non spera quello che non sembra sperabile non potrà scoprirne la realtà, poiché lo avrà fatto diventare, con il suo non sperarlo, qualcosa che non può essere trovato e a cui non porta nessuna strada (Eraclito). – ... se uno ha veramente a cuore la sapienza, non la ricerchi in vani giri, come di chi volesse raccogliere le foglie cadute da una pianta e già disperse dal vento, sperando di rimetterle sul ramo. La sapienza è una pianta che rinasce solo dalla radice, una e molteplice. Chi vuol vederla frondeggiare alla luce discenda nel profondo, là dove opera il dio, segua il germoglio nel suo cammino verticale e avrà del retto desiderio il retto adempimento: dovunque egli sia non gli occorre altro viaggio (M. Guidacci).



Skype Meâ„¢!
Condividi



Petite Plaisance Editrice
Associazione Culturale
senza fini di lucro

Via di Valdibrana 311
51100 Pistoia
tel: 0573-480013

e-mail:
info@petiteplaisance.it

Cat.n. 049

Marco Salvioli

Kenosi e De-centramento. Il concetto di Dio tra J. Derrida e M. C. Taylor.

ISBN 88-87296-63-4, 1999, pp. 64, formato 140x210 mm., Euro 7,00 – Collana "Divergenze" [28].

In copertina: P. Klee, Crisi di un angelo, 1939 (Collezione privata, Svizzera).

indice - presentazione - autore - sintesi

7,00

Lo scritto si propone di analizzare la nozione di Dio all’interno della riflessione di J. Derrida e del tentativo di M. C. Taylor di costituire una “teologia decostruttiva”.

Il nodo sul quale l’autore ha cercato di insistere è quello di indagare la possibilità di un discorso filosofico su “Dio”, dopo la chiusura della metafisica attuatasi nella riflessione sulla “morte di Dio”.

Dopo Hegel, Nietzsche ed Heidegger il pensiero di Derrida si pone nella dimensione temporale della finitudine tentando di costruire una ateologia negativa, asusmendo fino in fondo “la morte di Dio”, senza ridurre la propria riflessione a negazioni ateistiche dogmatiche.

Rispetto alle inevitabili accuse di nichilismo relativistico, più appropriate per la vulgata di Taylor che riduce Dio a luogo di ogni relazione, Derrida sembra indicare un pensiero che non sia possesso, ma attesa.

© Editrice Petite Plaisance - hosting and web editor www.promonet.it