Ci rivolgiamo a lettori che vogliano imparare qualcosa di nuovo, che dunque vogliano pure pensare da sé (K. Marx). – Chi non spera quello che non sembra sperabile non potrà scoprirne la realtà, poiché lo avrà fatto diventare, con il suo non sperarlo, qualcosa che non può essere trovato e a cui non porta nessuna strada (Eraclito). – ... se uno ha veramente a cuore la sapienza, non la ricerchi in vani giri, come di chi volesse raccogliere le foglie cadute da una pianta e già disperse dal vento, sperando di rimetterle sul ramo. La sapienza è una pianta che rinasce solo dalla radice, una e molteplice. Chi vuol vederla frondeggiare alla luce discenda nel profondo, là dove opera il dio, segua il germoglio nel suo cammino verticale e avrà del retto desiderio il retto adempimento: dovunque egli sia non gli occorre altro viaggio (M. Guidacci).



Skype Meâ„¢!
Condividi



Petite Plaisance Editrice
Associazione Culturale
senza fini di lucro

Via di Valdibrana 311
51100 Pistoia
tel: 0573-480013

e-mail:
info@petiteplaisance.it

Cat.n. ebp 069

Costanzo Preve

Marxismo e Filosofia. Note, riflessioni e alcune novità.

ISBN 88-88172-14-9, 2002, pp. 160, formato 170x240 mm., ex prezzo di copertina € 13,00 – Collana “Divergenze” [34].

-

indice - presentazione - autore - sintesi

5,00

L’autore propone in questo testo una nuova introduzione critica ai problemi del rapporto fra la teoria marxista ed alcune dimensioni fondamentali del lavoro e del linguaggio umano. La scelta metodologica che ispira questo lavoro è il nesso fra decostruzione e ricostruzione, cioè fra una pratica della decostruzione delle posizioni marxiste novecentesche tradizionali ed una prospettiva di ricostruzione volutamente imperfetta ed incompiuta. Il lavoro si articola come segue:

IINTRODUZIONE: Comunismo, marxismo e futuro.

1. Marxismo e scienza
2. Marxismo ed etica
3. Marxismo e religione
4. Marxismo ed economia politica
5. Marxismo e Hegel
6. Marxismo e post-modernità

APPENDICE: Il marxismo e la globalizzazione.

Si tratta di un’opera programmaticamente aperta alla discussione. Essa non si considera un punto di arrivo che richiede soltanto più sistematizzazione, divulgazione ed apprendimento, ma un punto di partenza da cui forse può originarsi, in un futuro per ora non prevedibile, ma che si spera non troppo lontano ed evanescente, una tendenza teorica riconoscibile. Il destino di ogni libro di teoria e di filosofia è nelle mani dei suoi lettori: ciò è particolarmente vero per questo lavoro di Preve.

© Editrice Petite Plaisance - hosting and web editor www.promonet.it