Ci rivolgiamo a lettori che vogliano imparare qualcosa di nuovo, che dunque vogliano pure pensare da sé (K. Marx). – Chi non spera quello che non sembra sperabile non potrà scoprirne la realtà, poiché lo avrà fatto diventare, con il suo non sperarlo, qualcosa che non può essere trovato e a cui non porta nessuna strada (Eraclito). – ... se uno ha veramente a cuore la sapienza, non la ricerchi in vani giri, come di chi volesse raccogliere le foglie cadute da una pianta e già disperse dal vento, sperando di rimetterle sul ramo. La sapienza è una pianta che rinasce solo dalla radice, una e molteplice. Chi vuol vederla frondeggiare alla luce discenda nel profondo, là dove opera il dio, segua il germoglio nel suo cammino verticale e avrà del retto desiderio il retto adempimento: dovunque egli sia non gli occorre altro viaggio (M. Guidacci).



Skype Meâ„¢!
Condividi



Petite Plaisance Editrice
Associazione Culturale
senza fini di lucro

Via di Valdibrana 311
51100 Pistoia
tel: 0573-480013

e-mail:
info@petiteplaisance.it

Cat.n. 091

Alberto Giovanni Biuso

Inni alla Luce.

ISBN 88-7588-083-2, 2006, pp. 96, formato 140x210 mm, € 10,00 – Collana “Il giogo” [10].

In copertina: Statua in bronzo del Satiro in estasi, originale attribuito a Prassitele, mare del Canale di Sicilia, 360 a.C. circa, Mazara del Vallo, Museo.

indice - presentazione - autore - sintesi

10,00

Inni alla Luce perché la carne tagliata produce i suoi frutti fecondi.
Perché l’abbandono – dato e subito – si trasforma in armonia.
Perché gli occhi guardano da una distanza e abitano nella potenza, nel varco dell’enigma che si svela.
Perché appagamento e ascesi sono inseparabili.
«Inni alla Luce perché – afferma l’autore – il mio fedele amore, la terra da cui sono nato, la madre che mi protegge, il fine e la fine di ogni mio battito – la gnosi, la conoscenza – mi restituisce ogni volta a me stesso come le onde restituiscono se stesse al mare che sono, dopo aver incontrato ciò che esse non sono, gli scogli. Più forte della pietra del dolore, il mare dei pensieri consuma la sofferenza e trasforma anche la roccia in acqua, anche le tenebre in fulgore».
La nostalgia della Luce ci attraversa per sempre.
E questi versi tentano di restituirne il canto.

© Editrice Petite Plaisance - hosting and web editor www.promonet.it