Ci rivolgiamo a lettori che vogliano imparare qualcosa di nuovo, che dunque vogliano pure pensare da sé (K. Marx). – Chi non spera quello che non sembra sperabile non potrà scoprirne la realtà, poiché lo avrà fatto diventare, con il suo non sperarlo, qualcosa che non può essere trovato e a cui non porta nessuna strada (Eraclito). – ... se uno ha veramente a cuore la sapienza, non la ricerchi in vani giri, come di chi volesse raccogliere le foglie cadute da una pianta e già disperse dal vento, sperando di rimetterle sul ramo. La sapienza è una pianta che rinasce solo dalla radice, una e molteplice. Chi vuol vederla frondeggiare alla luce discenda nel profondo, là dove opera il dio, segua il germoglio nel suo cammino verticale e avrà del retto desiderio il retto adempimento: dovunque egli sia non gli occorre altro viaggio (M. Guidacci).



Skype Meâ„¢!
Condividi



Petite Plaisance Editrice
Associazione Culturale
senza fini di lucro

Via di Valdibrana 311
51100 Pistoia
tel: 0573-480013

e-mail:
info@petiteplaisance.it

Cat.n. 121

Costanzo Preve

Scienza, Politica, Filosofia. Un’interpretazione filosofica del Novecento.

ISBN 88-87296-67-7, 1999, pp. 64, formato 140x210 mm., Euro 7 – Collana “Divergenze” [25].

In copertina: Disegno di M. Vulcanescu.

indice - presentazione - autore - sintesi

7,00


Il nesso fra scienza, politica e filosofia è la chiave per un’interpretazione critica del Novecento appena trascorso e della situazione spirituale attuale. Per comprendere questo nesso occorre prima fare una faticosa operazione metodologica e definitoria, che stabilisca i cinque ambiti distinti del rispecchiamento quotidiano, della rappresentazione religiosa, della rappresentazione ideologica, del concetto filosofico e del concetto scientifico.
Questa operazione preliminare permette di comprendere meglio il nesso fra nichilismo filosofico ed ideologia giuridica che viene proposto oggi come unico universalismo possibile. Non si tratta però purtroppo di universalismo, ma di un’ideologia particolaristica di interventismo politico e militare nelle zone “non normalizzate” del pianeta. Questa ideologia particolaristica copre in realtà un intreccio totalitario fra economia e tecnoscienza, che favorisce il tramonto della politica e l’emarginazione della filosofia più autentica.
Tenendo conto degli errori del passato, un pensiero credibile del futuro non proporrà più un’inutile e dannosa subordinazione e strumentalizzazione della filosofia per opera di una politica e di una scienza assolutizzate, e questo permetterà che sia la politica che la scienza vengano fatte oggetto di autoriflessione critica. Ciò è tanto più necessario oggi quanto più ci troviamo in una situazione inedita ed inaudita, in cui per la prima volta da duecento anni le oligarchie al potere controllano anche il potere culturale oltre a quelli economico e politico. Una situazione inedita ed inaudita cui è però ancora possibile opporsi.

© Editrice Petite Plaisance - hosting and web editor www.promonet.it