Ci rivolgiamo a lettori che vogliano imparare qualcosa di nuovo, che dunque vogliano pure pensare da sé (K. Marx). – Chi non spera quello che non sembra sperabile non potrà scoprirne la realtà, poiché lo avrà fatto diventare, con il suo non sperarlo, qualcosa che non può essere trovato e a cui non porta nessuna strada (Eraclito). – ... se uno ha veramente a cuore la sapienza, non la ricerchi in vani giri, come di chi volesse raccogliere le foglie cadute da una pianta e già disperse dal vento, sperando di rimetterle sul ramo. La sapienza è una pianta che rinasce solo dalla radice, una e molteplice. Chi vuol vederla frondeggiare alla luce discenda nel profondo, là dove opera il dio, segua il germoglio nel suo cammino verticale e avrà del retto desiderio il retto adempimento: dovunque egli sia non gli occorre altro viaggio (M. Guidacci).



Skype Meâ„¢!
Condividi



Petite Plaisance Editrice
Associazione Culturale
senza fini di lucro

Via di Valdibrana 311
51100 Pistoia
tel: 0573-480013

e-mail:
info@petiteplaisance.it

Cat.n. 137

Luca Grecchi

L’umanesimo di Aristotele. 

ISBN 88-7588-017-4, 2007, pp. 128, formato 140x210 mm., Euro 15 – Collana “Il giogo” [24].

In copertina: Artista attico, Stele di Demokleides, seconda metà del V secolo a.C., Museo Archeologico Nazionale di Atene.

indice - presentazione - autore - sintesi - invito alla lettura -

15,00

Questo saggio è il terzo di quella che, nelle intenzioni di chi scrive, costituisce una trilogia sull’umanesimo del pensiero degli antichi Greci. In questa trilogia, come doveroso, sono stati presi in esame non solo, in sintesi, tutti i principali autori, da Omero all’ellenismo (L’umanesimo della antica filosofia greca), ma soprattutto i pensieri di coloro che sono stati i due maggiori esponenti della Grecità: Platone (L’umanesimo di Platone) ed, appunto, Aristotele.

Trattandosi dell’ultimo volume di una trilogia – che vorremmo però ampliare, in futuro, con un testo dedicato a L’umanesimo di Plotino –, non ci soffermeremo sulle caratteristiche generali del testo, che rispecchiano in buona parte quelle dei precedenti due. Diremo soltanto che i tre testi, per precisi limiti quantitativi, non hanno potuto abbracciare il loro argomento insieme nel suo complesso e nel dettaglio. Alla ricerca erudita ed all’eccesso di citazioni, abbiamo cercato di preferire l’ampiezza dello sguardo di insieme, pur avendo sempre avuto cura di giustificare i nostri argomenti. Abbiamo cercato inoltre, per evitare il più possibile le ripetizioni (talvolta, però, inevitabili), di non attribuire ai tre testi la medesima struttura, ma di variare tale struttura in relazione alla particolarità del tema considerato. 

Concludiamo ricordando che questi tre volumi non sono studi monografici in cui è possibile trovare tutto su Platone, Aristotele o altri. Essi rappresentano semmai una esposizione sintetica di ciò che maggiormente caratterizza il pensiero di questi filosofi in senso umanistico. Per questo non vi saranno qui riassunti delle opere, e nemmeno accenni a componenti pur importanti del corpus aristotelico, in quanto riteniamo che talvolta le omissioni siano preferibili agli accenni. Lo spirito, insomma, con cui abbiamo realizzato queste pagine, è stato quello di ricercare il nucleo essenziale del discorso filosofico-etico-politico di Aristotele, a nostro avviso costituito dalla cura dell’uomo rispettosa del cosmo, ossia appunto da ciò che abbiamo definito umanesimo. 

© Editrice Petite Plaisance - hosting and web editor www.promonet.it