Ci rivolgiamo a lettori che vogliano imparare qualcosa di nuovo, che dunque vogliano pure pensare da sé (K. Marx). – Chi non spera quello che non sembra sperabile non potrà scoprirne la realtà, poiché lo avrà fatto diventare, con il suo non sperarlo, qualcosa che non può essere trovato e a cui non porta nessuna strada (Eraclito). – ... se uno ha veramente a cuore la sapienza, non la ricerchi in vani giri, come di chi volesse raccogliere le foglie cadute da una pianta e già disperse dal vento, sperando di rimetterle sul ramo. La sapienza è una pianta che rinasce solo dalla radice, una e molteplice. Chi vuol vederla frondeggiare alla luce discenda nel profondo, là dove opera il dio, segua il germoglio nel suo cammino verticale e avrà del retto desiderio il retto adempimento: dovunque egli sia non gli occorre altro viaggio (M. Guidacci).



Skype Meâ„¢!
Condividi



Petite Plaisance Editrice
Associazione Culturale
senza fini di lucro

Via di Valdibrana 311
51100 Pistoia
tel: 0573-480013

e-mail:
info@petiteplaisance.it

Cat.n. 288

José Jorge Letria

Il deserto innominabile. Poesie. Testo portoghese a fronte. Cura e traduzione di Simonetta Masin.

ISBN 978-88-7588-192-4, 2017, pp. 96, formato 130x200 mm., Euro 10.

In copertina:Salin de Giraud, Camargue. Fotografia di Simonetta Masin

indice - presentazione - autore - sintesi

10,00


José Jorge Letria

Giornalista, poeta, drammaturgo, scrittore di fantascienza e autore di un vasto lavoro per bambini e giovani, José Jorge Letria è nato a Cascais nel 1951. Tra il 1994 e il 2002, ha lavorato come assessore alla cultura nel comune locale. È stato premiato nel giugno 2002 con la Medal of Honor del Comune di Cascais, dopo aver dato il suo nome alla Scuola EB 1 del villaggio, che ha frequentato da bambino. Ha studiato giurisprudenza, storia e storia dell’arte all’Università di Lisbona, con specializzazione in giornalismo internazionale e master in “Studi di pace e guerra nelle nuove relazioni internazionali” dell’Università autonoma di Lisbona. È Dottore di ricerca in Scienze della comunicazione all’ISCTE.

Dal 1970 al dicembre 2003 è stato editore di giornali come “Diário de Lisboa”, “República”, “Musicalíssimo”, “Diário de Notícias” e “Jornal de Letras”. Professore di giornalismo, ha pubblicato tre libri sull’argomento. È stato autore di programmi radiofonici e televisivi e, a questo livello, per molti anni ha partecipato al team di “Sésamo Street” in Portogallo. È stato corrispondente per giornali esteri, autore dei testi del programma “Pastéis de Belém” a TSF, autore del saggio Terrorismo e Media. È stato vicepresidente della direzione e amministrazione di Casa da Imprensa.

Fu uno dei pochi civili a conoscenza della rivolta militare del 25 aprile 1974, dopo aver collaborato con i militari nella direzione del National Broadcaster dal 27 aprile dello stesso anno. È stato responsabile della programmazione musicale della stazione ufficiale fino alla metà del 1975. Su questa esperienza pubblica, nel 1999, il libro One Night Made April.

I suoi libri sono tradotti in diverse lingue (castigliano, francese, inglese, italiano, coreano, giapponese, russo, bulgaro, rumeno, ungherese e ceco) ed è presente in numerose antologie in Portogallo e all’estero.

Ha ricevuto numerosi premi: due Premi Premi APE (racconto e teatro), il Premio Internazionale Unesco (Francia), il Premio di Poesia Classica di Barcellona e il Premio Plurale (Messico), il Premio dell’Associazione Paulista dei Critici d’Arte (São Paulo), con un Premio Gulbenkian, con il Gran Premio Garrett del Segretario di Stato Culturale, con il Premio del Comune di Lisbona-Eça de Queirós (due volte), con il Premio Ferreira de Castro of Children’s Literature (tre volte), con il Premio “The Environment in Children’s Literature” (tre volte), con il Premio Garrett, il Premio José Régio per il teatro e il Premio Camilo Pessanha dell’IPOR tra molti altri.

Il suo libro per bambini del 2002 L’uomo che aveva un albero in testa includeva l’elenco europeo di libri e letture per l’educazione interculturale.

L’essenza della sua opera poetica è condensata in due volumi dell’antologia Il fantasma dell’opera, pubblicata nel 1994 e nel 2003, anno in cui ha completato tre decenni di attività letteraria.

È stato, prima del 25 aprile, uno dei nomi più importanti della canzone della resistenza (con numerosi dischi registrati e centinaia di spettacoli eseguiti, in Galizia e Madrid nel 1972 e nel 1973) accanto a nomi come José Afonso, Adriano Correia de Oliveira e Manuel Freire. Nel 1997 è stato decorato con l’Ordine della Libertà dal presidente Jorge Sampaio. A Parigi, ha ricevuto la medaglia internazionale delle arti e delle lettere.

Membro della World Literary Academy, è stato presente per sei anni nell’Executive Bureau dell’Associazione delle città e delle regioni euro­pee per la cultura ed è stato anche membro del team responsabile della redazione del Libro bianco sulle politiche culturali delle autorità locali e regionali in Europa.

Presiede la Direzione e il Consiglio di Amministrazione della SPA (Società Portoghese degli Autori); è Presidente del Comitato Europeo degli Autori della Confederazione Internazionale delle Società di Autori e Compositori; è Membro della Direzione del Gruppo Europeo delle Società degli Autori e del Comitato Esecutivo del Writers and Directors Worldwide.

Nel 2013, i suoi 40 anni di attività letteraria sono pubblicati nel volume Poesia Escolhida, a cura di Teresa Carvalho.


Simonetta Masin è nata a Este e vive a Padova. È Dottore di Ricerca in Romanistica. Ha ottenuto, per tre anni di seguito, la borsa di studio dell’Instituto Camões di Lisbona e ha svolto attività didattica in Storia della letteratura portoghese presso l’Università degli Studi di Padova. Ha pubblicato diversi interventi su riviste specializzate in critica letteraria, nazionali e internazionali. Ha tradotto e pubblicato in volume e su rivista testi di poesia e prosa dal portoghese. Ha curato incontri sulla poesia di lingua portoghese. Per la rivista L’Immaginazone dell’ed. Manni ha pubblicato traduzioni di poesia di lingua portoghese di Ana Hatherly, Nuno Júdice e José Jorge Letria. Ha curato la traduzione dei testi per la realizzazione di due spettacoli in omaggio a José Saramago e alla poesia di lingua portoghese. Con sue traduzioni di poesia e prosa ha collaborato con Mirano Oltre 2014 per l’incontro-reading dedicato al Portogallo. Per la libreria delle donne Lìbrati di Padova ha curato il Reading dal titolo La memoria è un silenzio che attende. Scrive poesie e alcuni suoi testi sono stati segnalati e premiati in diversi premi di poesia. Collabora con il blog portoghese http://aviagemdosargonautas.net/ nella rubrica di letteratura del sabato in cui pubblica sue traduzioni in italiano di poesia e prosa di lingua portoghese e sue poesie.

© Editrice Petite Plaisance - hosting and web editor www.promonet.it