Ci rivolgiamo a lettori che vogliano imparare qualcosa di nuovo, che dunque vogliano pure pensare da sé (K. Marx). – Chi non spera quello che non sembra sperabile non potrà scoprirne la realtà, poiché lo avrà fatto diventare, con il suo non sperarlo, qualcosa che non può essere trovato e a cui non porta nessuna strada (Eraclito). – ... se uno ha veramente a cuore la sapienza, non la ricerchi in vani giri, come di chi volesse raccogliere le foglie cadute da una pianta e già disperse dal vento, sperando di rimetterle sul ramo. La sapienza è una pianta che rinasce solo dalla radice, una e molteplice. Chi vuol vederla frondeggiare alla luce discenda nel profondo, là dove opera il dio, segua il germoglio nel suo cammino verticale e avrà del retto desiderio il retto adempimento: dovunque egli sia non gli occorre altro viaggio (M. Guidacci).



Skype Meâ„¢!
Condividi



Petite Plaisance Editrice
Associazione Culturale
senza fini di lucro

Via di Valdibrana 311
51100 Pistoia
tel: 0573-480013

e-mail:
info@petiteplaisance.it

Cat.n. 057

Andrea Cavazzini

Teoria, Ideologia, Storia. Note critiche su un inedito di Althusser.

ISBN 88-87296-22-7, 1998, pp. 48, formato 140x210 mm., Euro 5,00 – Collana "Divergenze" [7].

In copertina: Alchimisti al lavoro intorno ad un alambicco di distillazione; illustrazione xilografica dal De Secretis Naturae (1544) di Philip Ulstadt.

indice - presentazione - autore - sintesi

5,00

Il pensiero di Althusser, dopo l’oblio degli anni della crisi del marxismo, che seguivano a loro volta un periodo di ricezione e discussione forse troppo frettolose dell’opera del filosofo, oggi, in seguito alla pubblicazione degli scritti inediti, può essere in qualche modo riscoperto, ed interrogato al di là dei dibattiti spesso sterili sullo “scandaloso” antiumanesimo teorico, sulla conformità o meno delle teorie althusseriane al canone infallibile del pensiero di Marx, o piuttosto alla corrente strutturalista francese.

 

In questa pubblicazione non si è voluto (né, volendolo, si sarebbe potuto) esaurire i problemi in gioco in una rilettura di Althusser. L’autore si è limitato dunque a rimetterlo “in funzione” criticamente, a farne “giocare” le posizioni – per andare oltre i loro limiti – lungo alcune linee fondamentali: la costruzione di una teoria scientifica delle società storiche; lo studio di una componente fondamentale delle strutture sociali in cui viviamo (gli apparati ideologici); il rapporto con la metafisica classista del movimento operaio ed il suo influsso sulla visione althusseriana della storia; i confronti con altri teorici, marxisti, postmarxisti, e non-marxisti; il tutto, racchiuso nei confini di un solo – per quanto sistematico – testo parzialmente inedito.

 

Questo tentativo, quindi, consapevolmente e volutamente insufficiente, ha soprattutto lo scopo di suscitare una ricerca teorica, non solo su quello che fu uno dei maggiori pensatori del secondo novecento, ma soprattutto sui problemi già accennati e che Althusser può ancora aiutarci ad impostare, e, in parte, a risolvere.

 

© Editrice Petite Plaisance - hosting and web editor www.promonet.it