Ci rivolgiamo a lettori che vogliano imparare qualcosa di nuovo, che dunque vogliano pure pensare da sé (K. Marx). – Chi non spera quello che non sembra sperabile non potrà scoprirne la realtà, poiché lo avrà fatto diventare, con il suo non sperarlo, qualcosa che non può essere trovato e a cui non porta nessuna strada (Eraclito). – ... se uno ha veramente a cuore la sapienza, non la ricerchi in vani giri, come di chi volesse raccogliere le foglie cadute da una pianta e già disperse dal vento, sperando di rimetterle sul ramo. La sapienza è una pianta che rinasce solo dalla radice, una e molteplice. Chi vuol vederla frondeggiare alla luce discenda nel profondo, là dove opera il dio, segua il germoglio nel suo cammino verticale e avrà del retto desiderio il retto adempimento: dovunque egli sia non gli occorre altro viaggio (M. Guidacci).



Skype Meâ„¢!
Condividi



Petite Plaisance Editrice
Associazione Culturale
senza fini di lucro

Via di Valdibrana 311
51100 Pistoia
tel: 0573-480013

e-mail:
info@petiteplaisance.it

Cat.n. 134

Alberto Giovanni Biuso - Diego Fusaro - Michele Marolla - Diego Melegari - Monia Nicolaci - Costanzo Preve - Roberto Signorini - Donato Sperduto - Ottavia Spisni - Diego Stea - Giovanni Stelli - Franco Toscani

Filosofia ed estetica.

ISBN 88-7588-019-0, 2007, pp. 224, formato 140x210 mm., Euro 15 – Collana Koinè - “Il giogo” [20].

In copertina: Testa Kaufmann, copia antica della seconda metà del II secolo a.C. della testa dell’Afrodite di Cnido di Prassitele del 350-340 a.C., Parigi, Museo del Louvre.

indice - presentazione - autore - sintesi

15,00

Franco Toscani
Poesia e pensiero nel «tempo di privazione».
In cammino con Hölderlin e Heidegger
La poesia di Hölderlin e l’interrogazione sul “tempo di privazione” 7/La poesia e la minaccia 7/Hölderlin, il “tempo di privazione” e la bellezza 9/Il nesso fra dimensione estetica, religiosa e politica in Hölderlin 12/La fondazione poetica, il linguaggio e la misura 16/Il dire dei più arrischianti , il tragico e la chiacchiera 16/Il linguaggio e la peculiare Stiftung della poesia 19/L’essenza misurante della poesia 22/Il dire più dicente come “suprema illusione” 25/Il dolore ‘sacro’ , l’abitare e il misurare poetico 28/Ragione e sentimento. Per un intelletto d’amore 31/Il canto dell’Aperto e la mitologia hölderliniana 31/Per una nuova alleanza fra ragione e sentimento, pensiero e poesia 34/Pensare e cantare il più profondo e il più vivo 38/Poesia pensante e pensiero poetante in Hölderlin e Heidegger 39/L’interpretazione heideggeriana della poesia di Hölderlin 39/L’abbandono di Heidegger alla potenza del dire poetico hölderliniano 41/Hölderlin come “poeta dei tedeschi”. Il “tratto proprio” e il “tratto estraneo”43/Il sacro e l’abitare in Hölderlin e Heidegger 47/Poesia e follia di Hölderlin 47/Sentieri della poesia e del pensiero nella produzione lirica heideggeriana 48/L’essenza del poetico e il tema del sacro in Hölderlin e Heidegger. Il Geviert e la Innigkeit 51/ Il sacro, il ‘dio veniente’ e l’abitare poetico 54/La questione del divino, la poesia di Hölderlin e il pensiero post-metafisico 58/Poesia e religione. Il divino post-metafisico in Hölderlin e Heidegger 58/Il Dio di Hölderlin, la “gentilezza del cuore” e l’autunno della civiltà 62/La poesia fluviale e gli Halbgötter 65/Poesia e pensiero post-metafisico nel tempo di privazione 68/Il canto, il dono e la cometa 70

Donato Sperduto
Eschilo in G. D’Annunzio, E. Severino e L. Grecchi
Introduzione 79/D’Annunzio ed il teatro 80/L’Orestiade tra verità e non verità 81/Il gesto impossibile 83/Il pensiero filosofico-politico di Eschilo 86/Grecchi critico di Severino 87

Costanzo Preve
L’estetica di Lukács fra arte e vita. Considerazioni storiche, politiche e filosofiche
Lukács, un uomo che seppe sempre essere presente agli “appuntamenti storici” del Novecento 91/ Il messaggio filosofico di Lukács: “non partecipare più alla nostra stessa estraniazione” 97/ La funzione emancipatrice dell’Arte e la specificità dell’Estetico 102/ Libere riflessioni sulla teoria lucacciana del rispecchiamento estetico 105/Nota bibliografica generale 109

Diego Fusaro
Per una teoria dell’arte in Marx 111

Alberto Giovanni Biuso
«Abbiamo l’arte per non naufragare nella verità».
Sull’estetica dionisiaca di Nietzsche 127

Diego Stea
Popolarizzazione e rifunzionalizzazione
della musica colta
Connessione tra musica e società 13/Rifunzionalizzazione: composizioni che sopravvivono al loro tempo 138/Popolarizzazione come mutamento della funzione sociale 139/Musica colta e popular music: le prospettive di studio si evolvono 139/Studio della rifunzionalizzazione del repertorio colto: un modello di lavoro 140/Riepilogo e conclusione 142

Diego Melegari
L’evento dell’arte, tra storia e pensiero.
Tracce di un percorso possibile tra figure della filosofia francese contemporanea 143/Deleuze: divenire estetico e ricapitolazione storica nell’arte 145/Lyotard: perdita ed entusiasmo di fronte all’evento 159/Per concludere: una motivazione e una linea di ricerca 166

Michele Marolla
Estetica e modernità secondo Benedetto Croce 179

Franco Toscani
Il riso di Zarathustra.
Prospettivismo e benedizione
nel Nietzsche di Alberto Giovanni Biuso
Metafisica, questione del divino e nomadismo in Nietzsche 193/La grecità, il cristianesimo e l’“aureo riso”. La “morte di Dio”, il nichilismo e il nomadismo 195/Verità, riso e metafisica in Nietzsche 197/L’oltreuomo, la volontà di potenza e l’eterno ritorno. Spinoza e Nietzsche 198

Ottavia Spisni
Vedere senza vedere 201

Monia Nicolaci
L’interpretazione come modello di razionalità 205

Roberto Signorini
Alle origini del fotografico.
Lettura di The Pencil of Nature (1844-46)
di W. H. F. Talbot
Un’opera di fondazione 211/Scopi e limiti di questo libro 213/ Basi della ricerca 215/Struttura del libro e riferimenti bibliografici 216

© Editrice Petite Plaisance - hosting and web editor www.promonet.it