Ci rivolgiamo a lettori che vogliano imparare qualcosa di nuovo, che dunque vogliano pure pensare da sé (K. Marx). – Chi non spera quello che non sembra sperabile non potrà scoprirne la realtà, poiché lo avrà fatto diventare, con il suo non sperarlo, qualcosa che non può essere trovato e a cui non porta nessuna strada (Eraclito). – ... se uno ha veramente a cuore la sapienza, non la ricerchi in vani giri, come di chi volesse raccogliere le foglie cadute da una pianta e già disperse dal vento, sperando di rimetterle sul ramo. La sapienza è una pianta che rinasce solo dalla radice, una e molteplice. Chi vuol vederla frondeggiare alla luce discenda nel profondo, là dove opera il dio, segua il germoglio nel suo cammino verticale e avrà del retto desiderio il retto adempimento: dovunque egli sia non gli occorre altro viaggio (M. Guidacci).



Skype Meâ„¢!
Condividi



Petite Plaisance Editrice
Associazione Culturale
senza fini di lucro

Via di Valdibrana 311
51100 Pistoia
tel: 0573-480013

e-mail:
info@petiteplaisance.it

Cat.n. 102

Costanzo Preve

Storia dell’etica.

ISBN 88-7588-011-5, 2007, pp. 160, formato 140x210 mm., Euro 15 – Collana “Il giogo” [13].

In copertina: Costantin Brancusi, Il Bacio, 1916. Pietra calcarea. Philadelphia Museum of Art.

indice - presentazione - autore - sintesi

15,00

L’etica nasce storicamente come funzione sociale diretta della riproduzione comunitaria, secondo una logica che la teoria dell’evoluzione di Darwin descrive in modo sostanzialmente esatto. Ma, dal momento che l’uomo è un ente naturale generico dotato di ragione e linguaggio, e che il suo sviluppo sociale si compie dialetticamente attraverso un’articolazione classista della comunità, ad un certo punto sorge necessariamente una problematizzazione morale dei fondamenti dell’etica tradizionale.
Questa storia dell’etica, ispirata al metodo della logica della storia di Karl Marx, parte dalla dialettica dicotomica fra Misura e Dismisura nel modo di produzione dei piccoli produttori indipendenti della Grecia classica e si sviluppa sulla base di passaggi storici successivi.
Si considerano in particolare il modo di produzione schiavistico antico ellenistico-romano, i due aspetti dell’etica cristiana dal momento messianico al momento gerarchico feudale, ed infine l’etica nel capitalismo periodizzato in tre momenti successivi (epoca di transizione tardosignorile e protofeudale, capitalismo classico dicotomico scisso in borghesia e proletariato, ed attuale capitalismo smisurato senza classi postborghese e postproletario). Un capitolo è poi dedicato al “dilemma etico” del comunismo storico novecentesco recentemente defunto (1917-1991).
I tre capitoli finali del saggio sono dedicati alla discussione di questioni filosofiche concernenti la fondazione teorica di un’etica che sia all’altezza delle sfide del mondo attuale. Il mondo attuale è connotato come un mondo che non rende possibile alcuna fondazione razionale dell’etica che non sia un’etica della resistenza. È questa ad un tempo la premessa e la conclusione di questo saggio. Senza resistenza all’immoralità strutturale del mondo attuale non è possibile alcuna etica, ed ogni discussione sugli “ismi” appare priva di orizzonte e di consistenza.

© Editrice Petite Plaisance - hosting and web editor www.promonet.it