Ci rivolgiamo a lettori che vogliano imparare qualcosa di nuovo, che dunque vogliano pure pensare da sé (K. Marx). – Chi non spera quello che non sembra sperabile non potrà scoprirne la realtà, poiché lo avrà fatto diventare, con il suo non sperarlo, qualcosa che non può essere trovato e a cui non porta nessuna strada (Eraclito). – ... se uno ha veramente a cuore la sapienza, non la ricerchi in vani giri, come di chi volesse raccogliere le foglie cadute da una pianta e già disperse dal vento, sperando di rimetterle sul ramo. La sapienza è una pianta che rinasce solo dalla radice, una e molteplice. Chi vuol vederla frondeggiare alla luce discenda nel profondo, là dove opera il dio, segua il germoglio nel suo cammino verticale e avrà del retto desiderio il retto adempimento: dovunque egli sia non gli occorre altro viaggio (M. Guidacci).



Skype Meâ„¢!
Condividi



Petite Plaisance Editrice
Associazione Culturale
senza fini di lucro

Via di Valdibrana 311
51100 Pistoia
tel: 0573-480013

e-mail:
info@petiteplaisance.it

Cat.n. 080

Antonella Lumini

Caino. Dramma del buio e della luce. Con uno scritto di Paolo Coccheri.

ISBN 88-7588-087-5, 2005, pp. 96, formato 120x180 mm., € 10,00 – Collana di teatro, “Antigone” [10].

In copertina: Amalia Ciardi Duprè, La morte di Abele,1980.

indice - presentazione - autore - sintesi

10,00

È un testo forte questo di Antonella Lumini, nel suo tentativo di rappresentare un percorso interiore. Tema centrale del primo atto è quello dell’alienazione. L’uomo è sempre più estraneo a se stesso: l’errare senza una mèta, senza progetti, lo sradicamento, il fallimento, la solitudine. Caino è in fuga da se stesso, è in fuga dal proprio errore, dal proprio dolore. Alla drammatica realtà di Caino, si affianca Ulisse come dimensione eroica. I due personaggi si alternano nell’azione ognuno per proprio conto, assumendo il carattere di controfigure erranti. Il secondo atto propone lo spalancarsi di un nuovo orizzonte: la trasformazione ha inizio con il riaccendersi di quella scintilla viva, sempre custodita nel cuore dell’uomo, raffigurata nel testo dall’anima di Abele. In questo lavoro si può avvertire una certa affinità tematica con S. Beckett e H. Pinter: il nulla esistenziale, la perdita di identità, la frantumazione, il senso di smarrimento e soprattutto la solitudine cosmica che affliggono l’uomo contemporaneo. L’autrice tuttavia, pur partendo dalle stesse tematiche, riesce a suggerire una nuova prospettiva. Caino riconciliandosi con la vita si ricollega con la propria storia umana, cancellandone la frattura e recuperando la memoria. In questa riconciliazione l’odio cede all’amore e anche la morte viene sconfitta. La morte di Abele non ne annienta l’anima, cosicché Abele continuamente risorge nell’uomo esprimendone la scintilla luminosa.

© Editrice Petite Plaisance - hosting and web editor www.promonet.it